02

Prostituzione per vivere, come iniziare?

Con la crisi sempre più dilagante, la tentazione di usare il proprio corpo come fonte di guadagno assale un numero sempre maggiore donne, ma c’è da dire che non è così facile intraprendere il lavoro di prostituta.
Bisogna ponderare bene questa scelta e valutare tutti i vari aspetti; qui sotto è presente un piccolo prontuario di consigli per iniziare al meglio questo mestiere:

1. PREDISPOSIZIONE AL SESSO

Per iniziare a fare la prostituta bisogna innanzitutto amare il sesso ed essere disposte a praticarlo con chiunque: i clienti non si scelgono e non sempre si ha la fortuna di incontrare un uomo che rientri nei propri canoni di bellezza;

2. ABBATTIMENTO DEI PREGIUDIZI

Se si desidera diventare una prostituta bisogna abbattere i propri pregiudizi morali e sessuali poichè spesso si incontrano clienti con fantastie molto diverse;

3. AVERE UN CARATTERE FORTE

Avere un carattere forte aiuta a gestire al meglio il lavoro di donna di piacere e non permetterà ai tanti approfittatori di condurre le danze;

4. NON NEGOZIARE MAI IL PROPRIO COMPENSO

Se un cliente, specie se mai incontrato, chiede uno sconto è meglio rifiutarlo: chi decide il prezzo è sempre la escort e non il contrario; se al cliente non va bene sarà liberissimo di rivolgersi altrove.
Un caso differente può essere un cliente fisso che si trova in momentanea difficoltà economica: se non si vuole perderlo è meglio essere flessibili e accontentarlo;

5. STABILIRE I PROPRI LIMITI

Dire immediatamente al cliente i servizi che si è diposte/non disposte a offrire: è meglio scegliere quello che piace di più perchè gli incontri saranno decisamente più piacevoli e non appariranno forzati;

6. FIDARSI SEMPRE DEL PROPRIO ISTINTO:

E’ meglio evitare un incontro con qualcuno che non convince fino in fondo; l’istinto in questi casi non sbaglia quasi mai ed è bene ascoltarlo;

7. PUBBLICARE FOTO VERITIERE E RECENTI:

L’onestà garantisce sempre un risparmio di tempo da entrambe le parti: vedendo foto corrispondenti al vero il cliente difficilmente andrà via senza concludere l’incontro;

8. OSCURARE LE FOTO:

Quando si pubblica qualcosa in rete è ben difficile rimuoverla; quindi è meglio essere prudenti e non pubblicare foto dove si è immediatamente riconoscibili. Pubblicando un annuncio sul web di certo ci si espone, per sempre.
Esistono programmi e applicazioni per cellulari gratuiti e di facile uso che permettono di nascondere visi, tatuaggi o altri segni distintivi;

9. PROCURARSI UN NUMERO APPOSITO:

Meglio dividere la vita privata da quella lavorativa;

10. EVITARE DI RAGGIUNGERE SENZA GARANZIE:

Molti clienti chiedono di essere raggiunti anche in città lontane: in questo caso è altamente consigliato chiedere un acconto su Postepay o Paypal per evitare bidoni;

11. NON RECARSI A CASA DI SCONOSCIUTI:

Qui vige una delle più basilari regole del buonsenso: non si può sapere se in un’altra stanza è nascosta un’altra persona malintenzionata o un cane feroce pronto ad aggredire;

12. NON RIVELARE MAI IL PROPRIO NOME O INDIRIZZO DI CASA:

Quando si inizia a fare la prostituta è buona norma assumere un nome d’arte e incontrare in zona lontane dal proprio indirizzo di residenza;

13. MAI, MAI, MAI ACCETTARE RAPPORTI SENZA PRESERVATIVO:

Spesso capita di ricevere questo genere di richiesta, magari accompagnata dalle classiche scuse che possono essere una fantomatica allergia al lattice oppure che il cliente è un donatore del sangue.
Alcuni clienti, pur di avere un rapporto bareback (al naturale), sono anche disposti a pagare molto ma è sempre bene rifiutare: i soldi vanno e vengono, la salute no.

14. INFORMARSI SUI TERMINI DEL MESTIERE:

Una bella ricerca su Internet può essere di grande aiuto; la conoscenza dei termini tecnici scongiura un sacco di figuracce e situazioni imbarazzanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>